Da Microsoft Skype for Business a Microsoft Teams

Share

PBX? Migrazione? Niente paura. La roadmap Enghouse Interactive è già tracciata.

Per molti anni, Enghouse Interactive ha supportato i Clienti armonizzando la loro migrazione da ambienti PBX tradizionali a piattaforme di Unified Communications moderne e più performanti, come Microsoft Skype for Business. Man mano che le soluzioni Cloud divengono più mature sul mercato, Enghouse Interactive pianifica di supportare i Clienti non solo per interventi di migrazione ma anche per facilitare e rendere più fluida la loro esperienza sul Cloud.

Malgrado le API necessarie non siano ancora del tutto disponibili per completare l’evoluzione della piattaforma EICC –Enghouse Interactive Communications Center– verso Microsoft Teams, la nostra azienda è pronta per recepirle e impiegarle non appena la casa di Redmond le le renderà accessibili. Per quei Clienti che vogliono pianificare più sul lungo periodo e preferiscono considerare una migrazione sulla base di tale ottica, saremo in grado di supportarli spostandoci direttamente dai loro ambienti legacy alla piattaforma Microsoft Teams sul Cloud.

 

Enghouse Interactive si posiziona come un partner in grado di affiancare i Clienti sul percorso di evoluzione tecnologica legata alle piattaforme Microsoft. Già oggi, la nostra soluzione best-of-breed è perfettamente integrata con Skype for Business. E’ parte della filosofia “BetterTogether”, il futuro si appoggia su un presente molto solido e che è disponibile per ogni architettura:


on-premise


ibrida


Cloud

 

Settimana scorsa, mercoledì 25 ottobre, abbiamo condiviso queste tematiche e molte altre legate al mondo Unified Communications grazie a:

 


La strategia Enghouse Interactive da Microsoft Skype for Business a Microsoft Teams

Gli atti del workshop sono disponibili sul sito Ucug.it

 

 

 

Image credit: Ian Schneider
Share