Public Clud e strumenti di misurazione per la tua azienda

misurazione cloud
Share

Il monitoraggio e la gestione sono elementi centrali di qualsiasi strategia di sviluppo del public cloud.
Una corretta gestione aiuta un’azienda a garantire che l’utilizzo, le prestazioni, i costi e persino i vantaggi del public cloud soddisfino o superino i requisiti.
Il monitoraggio può spesso rivelare lacune nel servizio o problemi che un’azienda dovrebbe conoscere. Per correggere questi problemi, cloud architect, amministratori e gli sviluppatori hanno bisogno degli strumenti giusti.

I provider di public cloud offrono una selezione di strumenti che forniscono dettagli su misura per le loro piattaforme. Esistono anche offerte di terze parti che supportano uno o più cloud pubblici. Lo strumento scelto deve essere in grado di fornire una serie di metriche utili a supporto delle esigenze e degli obiettivi aziendali.

Vediamo una serie di metriche e parametri che possono aiutare le aziende a controllare l’utilizzo del public cloud e prendiamo in considerazione diversi strumenti in grado di raccogliere le informazioni desiderate.

Metriche o KPI?

Prima di immergerci in metriche specifiche, iniziamo con una rapida distinzione tra metriche e KPI. Sebbene i termini siano talvolta usati in modo intercambiabile, questo non è del tutto corretto.
Parliamo di metrica riferendoci ad un parametro che può essere misurato direttamente e monitorato nel tempo per determinare le tendenze. Ad esempio, il conteggio delle richieste in un servizio di bilanciamento del carico e l’utilizzo della CPU di un’istanza di calcolo sono metriche.

Invece, un KPI, key performance indicator (in italiano indicatore di prestazioni chiave), rappresenta in genere un parametro specifico che è importante per le prestazioni o la crescita aziendale. Un KPI può essere misurato direttamente. Ad esempio, il costo mensile dei servizi di un fornitore di servizi cloud potrebbe essere considerato un KPI perché ha un valore particolare per l’azienda.

Tuttavia, i KPI sono spesso più comunemente derivati o calcolati tramite una combinazione di metriche. Ad esempio, un KPI aziendale come il costo per transazione non può essere misurato direttamente da un fornitore di servizi cloud, perché il costo per transazione non è rilevante per il fornitore di servizi cloud. Questi dettagli potrebbero essere calcolati da metriche come il throughput del provider di servizi cloud e le metriche di fatturazione mensili.

Metriche per misurazione dell’infrastruttura

L’infrastruttura del cloud pubblico è forse la fonte di metriche più comune e oggettiva per gli utenti del cloud. Queste metriche misurano ciò che sta accadendo con le risorse e i servizi del provider.
Le aziende spesso si lamentano della mancanza di trasparenza sui cloud pubblici, ma negli ultimi anni i fornitori hanno fatto passi da gigante in queste aree. Ad esempio, ora offrono l’accesso ai KPI e alle metriche dell’infrastruttura tramite interfacce comuni come console e API.

Con le metriche riguardanti l’infrastruttura, le aziende possono misurare l’utilizzo di risorse e servizi e determinare la disponibilità, le prestazioni, l’integrità delle applicazioni e così via. Ciò rende le metriche dell’infrastruttura fondamentali per un’efficace gestione del cloud pubblico.

Gli amministratori del cloud possono scegliere da quella che sembra una serie sconcertante di punti di fornitura dei dati. Sebbene non sia necessario, o addirittura auspicabile, monitorare ogni metrica disponibile, ecco alcuni dei punti emissione dati dell’infrastruttura più comuni.

Istanze di calcolo

Le metriche di calcolo si riferiscono al volume e alle prestazioni delle istanze di calcolo all’interno del cloud pubblico. Queste metriche possono includere processore, memoria, disco, rete e parametri generali di integrità e disponibilità. Tali metriche aiutano a determinare se l’applicazione all’interno di ogni istanza è in esecuzione e funziona in modo adeguato.

Istanze di archiviazione

Le metriche di archiviazione sopra menzionate si riferiscono all’archiviazione temporanea legata all’istanza di calcolo stessa. Le risorse di archiviazione a lungo termine forniscono un diverso set di metriche che descrivono in dettaglio l’utilizzo, le prestazioni e lo stato delle risorse di archiviazione, separatamente dalle istanze di calcolo

Bilanciatori di carico

I servizi di bilanciamento del carico vengono utilizzati per distribuire il traffico di rete in entrata da Internet tra i carichi di lavoro in esecuzione nel cloud pubblico, ad esempio nelle istanze di Google Compute Engine o nelle VM di Azure, rispettivamente.

Ad esempio, le aziende spesso collocano copie di carichi di lavoro vitali in più di una regione per fornire una migliore disponibilità durante la gestione della latenza. Le metriche del sistema di bilanciamento del carico mostrano le prestazioni del sistema di bilanciamento del carico stesso insieme alle prestazioni del carico di lavoro back-end che serve.

Istanze di database

I team IT possono scegliere tra una gamma di database e altri servizi per raggruppare e analizzare i dati. Le metriche del cloud pubblico sono fondamentali per monitorare la velocità effettiva, le prestazioni e l’utilizzo dei servizi di database.

Poiché un database è fondamentalmente un carico di lavoro già installato e in esecuzione dal provider di servizi cloud, gli amministratori e gli sviluppatori possono anche essere in grado di accedere a una suite completa di CPU, disco, I / O e metriche di rete aggiuntive per l’istanza di calcolo del database, come le metriche dell’istanza di calcolo discusse in precedenza. Ciò crea ulteriore trasparenza e consente agli utenti di vedere cosa sta succedendo dal lato del fornitore di servizi cloud

Istanze di cache

I provider cloud offrono servizi di cache in memoria ospitati e gestiti. L’obiettivo è utilizzare la memoria per conservare i dati a cui si accede di frequente senza dover accedere a servizi più lenti come l’archiviazione su disco. Ciò consente un throughput migliore e una latenza inferiore per i carichi di lavoro critici.
Come con i database, una cache è fondamentalmente un carico di lavoro implementato e supportato dal provider di servizi cloud e possono essere disponibili anche metriche aggiuntive come CPU, disco, I / O e metriche di rete per l’istanza di calcolo della cache

Funzioni

Gli sviluppatori utilizzano servizi di elaborazione serverless, come AWS Lambda, Funzioni di Azure e Google Cloud Functions, per implementare piccoli carichi di lavoro, chiamati funzioni, senza la necessità di fornire e pagare deliberatamente istanze di calcolo. Caricano semplicemente il codice e attivano i parametri. Il fornitore di servizi cloud carica automaticamente, esegue e quindi scarica la funzione quando vengono soddisfatti i parametri di trigger.

Dalle metriche ai KPI

La raccolta di dati da un provider cloud può rivelare dettagli vitali sulle risorse e sui servizi del provider, ma in genere non fa molto per dire a un’azienda quanto bene stia effettivamente eseguendo un determinato carico di lavoro. Un’azienda potrebbe voler eseguire il monitoraggio delle prestazioni delle applicazioni o il monitoraggio dell’esperienza utente per effettuare le stime specifiche del carico di lavoro o dell’azienda.

Il passaggio dalle metriche ai KPI di solito avviene quando le aziende utilizzano le metriche per calcolare o derivare dettagli incentrati sul business che non sono direttamente disponibili dal fornitore di servizi cloud. Potrebbero essere necessari strumenti separati come Amazon QuickSight per raccogliere le metriche sottostanti e implementare i calcoli per creare i KPI desiderati. Esistono innumerevoli KPI che possono interessare un’azienda, ma alcuni KPI comuni possono includere:

DISPONIBILITÀ DELL’APPLICAZIONE

Calcola la disponibilità monitorando le metriche di integrità dell’istanza e calcolando una percentuale di risposte sane rispetto a risposte malsane nel tempo.

Tassi di errore

Calcola i tassi di errore monitorando il carico di lavoro o le risposte del servizio nel tempo e calcolando una percentuale di operazioni riuscite – e non riuscite – in un determinato periodo.

Latenza

Calcola la latenza dell’applicazione misurando il tempo necessario affinché una richiesta all’applicazione scateni una risposta dall’applicazione. La latenza media di ogni richiesta può essere calcolata nel tempo.

Portata

La velocità effettiva di un’applicazione può essere generalmente calcolata monitorando il numero di operazioni o transazioni completate con successo in un periodo di tempo.

KPI di migrazione

Le aziende spesso calcolano i KPI per attività aziendali strategiche, come le migrazioni al cloud. Le metriche aziendali per le migrazioni cloud non sono immediatamente o direttamente disponibili, ma devono comunque essere calcolate o dedotte per l’analisi aziendale. Ad esempio, un’azienda può calcolare il tempo necessario per una migrazione, il costo di un processo di migrazione, i tempi di inattività e così via

KPI per il cloud pubblico

Gli architetti del cloud hanno bisogno degli strumenti giusti per raccogliere le metriche del cloud pubblico e derivare i KPI. I provider di cloud pubblico offrono servizi di monitoraggio in grado di monitorare e segnalare molte metriche comuni.

Tuttavia, nessuno di questi strumenti include un modo semplice per tradurre le metriche native in KPI orientati al business. Ad esempio, un fornitore di servizi cloud non ha modo di sapere se un’azienda desidera ricevere KPI come il costo per transazione o il tasso di abbandono o innumerevoli altri parametri che aiutano a rendere i cloud pubblici utili per le aziende. I team IT devono utilizzare strumenti nativi e di terze parti aggiuntivi per calcolare e derivare KPI significativi.

Ti interessa approfondire le nostre soluzioni per il cloud? Contattaci per una consulenza gratuita.

Share