Reminder: Conformità delle soluzioni Reitek al Provvedimento n. 83 del Garante Privacy

Share

L’1 ottobre 2014 entrerà in vigore il Provvedimento generale a carattere prescrittivo sulle c.d. ‘chiamate mute’, promulgato dal Garante per la protezione dei dati personali il 20 febbraio 2014 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 79 del 4 aprile 2014. Le aziende interessate dalla disciplina su telemarketing e teleselling hanno difatti 180 giorni di tempo dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale per adeguarsi a quanto determinato dalla legge.

Le soluzioni tecnologiche di Reitek consentono già di rispettare le regole introdotte con il Provvedimento n. 482 del 2013 e aggiornate dal Provvedimento n. 83 del 2014:

1. “i call center dovranno tenere precisa traccia delle chiamate mute, che dovranno comunque essere interrotte trascorsi 3 secondi dalla risposta dell’utente;”
Nelle soluzioni Reitek sono disponibili i dati statistici dedicati alle telefonate mute occorse in ciascuna campagna outbound e generati a partire dal 30 ottobre 2013. E’ possibile interrompere le chiamata trascorsi 3 secondi dalla risposta dell’utente.

2. “non potranno verificarsi più di 3 telefonate mute ogni 100 andate a buon fine. Tale rapporto dovrà essere rispettato nell’ambito di ogni singola campagna di telemarketing;”
Sono disponibili algoritmi in grado di impostare la percentuale di chiamate mute in rapporto alle chiamate risposte.

3. “l’utente non potrà più essere messo in attesa silenziosa, ma il sistema dovrà generare una sorta di rumore ambientale (ad es. con voci di sottofondo, squilli di telefono, brusio) per dare la sensazione che la chiamata non provenga da un eventuale molestatore;”
È possibile agganciare alla non disponibilità dell’operatore un messaggio che riproduca il “comfort noise” cui fa riferimento il Garante.

4. “l’utente disturbato da una chiamata muta non potrà essere ricontattato per 5 giorni e, al contatto successivo, dovrà essere garantita la presenza di un operatore;”
In caso di previa chiamata muta, la richiamata con operatore dedicato così come gli intervalli temporali minimi sono funzionalità già possibili con le nostre soluzioni e attivabili tramite interfaccia di configurazione.

5. “i call center saranno tenuti a conservare per almeno due anni i report statistici delle telefonate mute effettuate per ciascuna campagna, così da consentire eventuali controlli.”
Sul servizio Reitek Cloudando è disponibile la storicità di due anni a partire dai dati presenti. Per tutti i sistemi Reitek On-premise viene fornita ai Clienti una procedura per salvare su un proprio storage i dati richiesti.

Esiste infine uno specifico piano di supporto dedicato ai Clienti Reitek per approfondimenti tecnologici e organizzativi.

Share